SACHS nel mondo -

il vostro partner, dovunque vi troviate

Voi siete qui:

Voi siete qui:

worldmap


Italia

Italia

Consiglio utile di SACHS:
Sostituzione di ammortizzatori CDC.

All’inizio del 2012, presso la ZF Friedrichshafen AG di Schweinfurt è uscito dalla catena di montaggio il 12 milionesimo ammortizzatore CDC per autovetture dall’inizio della produzione nel 1994.

All’inizio del 2012, presso la ZF Friedrichshafen AG di Schweinfurt è uscito dalla catena di montaggio il 12 milionesimo ammortizzatore CDC per autovetture dall’inizio della produzione nel 1994.

Comfort di guida e dinamismo

Sempre più case automobilistiche optano, nei loro veicoli, per il sistema di ammortizzazione continuamente variabile denominato Continuous Damping Control (CDC). Esso monitora permanentemente fattori di influsso quali condizioni della strada, carico, accelerazione della carrozzeria e interventi del conducente. I sensori del veicolo registrano tutti i cambiamenti. A partire da ciò, la centralina determina i requisiti di ammortizzazione ottimali. La valvola proporzionale adatta la forza di ammortizzazione in millisecondi per ogni singola ruota. Ciò implica un migliore comfort di guida e dinamismo, minor rotolamento e beccheggio e un minor spazio di frenata dovuto alla migliore aderenza al manto stradale. Vantaggi, questi, che vengono sempre più sfruttati anche in bus, pulmini, camion e macchinari per l’agricoltura.

Comfort di guida e dinamismo

Sempre più case automobilistiche optano, nei loro veicoli, per il sistema di ammortizzazione continuamente variabile denominato Continuous Damping Control (CDC). Esso monitora permanentemente fattori di influsso quali condizioni della strada, carico, accelerazione della carrozzeria e interventi del conducente. I sensori del veicolo registrano tutti i cambiamenti. A partire da ciò, la centralina determina i requisiti di ammortizzazione ottimali. La valvola proporzionale adatta la forza di ammortizzazione in millisecondi per ogni singola ruota. Ciò implica un migliore comfort di guida e dinamismo, minor rotolamento e beccheggio e un minor spazio di frenata dovuto alla migliore aderenza al manto stradale. Vantaggi, questi, che vengono sempre più sfruttati anche in bus, pulmini, camion e macchinari per l’agricoltura.

1 Sensore della carrozzeria, frontale destro

2 Sensore, ammortizzatore telescopico destro (accelerazione della ruota)

3 Centralina CDC

4 Sensore della carrozzeria, frontale sinistro (accelerazione della carrozzeria)

5 Sensore della carrozzeria, posteriore (accelerazione della carrozzeria)

6 Ammortizzatore CDC, posteriore

7 Sensore, ammortizzatore telescopico sinistro (accelerazione della ruota)

8 Ammortizzatori telescopici CDC, frontali

1 Sensore della carrozzeria, frontale destro

2 Sensore, ammortizzatore telescopico destro (accelerazione della ruota)

3 Centralina CDC

4 Sensore della carrozzeria, frontale sinistro (accelerazione della carrozzeria)

5 Sensore della carrozzeria, posteriore (accelerazione della carrozzeria)

6 Ammortizzatore CDC, posteriore

7 Sensore, ammortizzatore telescopico sinistro (accelerazione della ruota)

8 Ammortizzatori telescopici CDC, frontali

Autodiagnostica

Se si verificano dei difetti elettrici o meccanici, l’ammortizzatore CDC deve essere controllato come un ammortizzatore di tipo tradizionale e sostituito se necessario. Gerhard Endriß, ingegnere del servizio di assistenza di ZF Aftermarket, dissipa eventuali preoccupazioni tra i meccanici: “Anche se risulta necessaria la sostituzione degli ammortizzatori CDC, non è richiesto alcun intervento aggiuntivo sull’impianto elettrico. Per smontare gli ammortizzatori CDC, occorre soltanto scollegare il connettore a spina dal set di cavi della valvola proporzionale e ricollegarlo durante il montaggio”.

Il sistema CDC è in grado di effettuare un’autodiagnosi ma riconosce soltanto difetti elettrici, non malfunzionamenti meccanici. In caso di difetto si accende la spina CDC sul cruscotto. Per circoscrivere il problema è necessaria un’unità di diagnosi (ad esempio, il Bosch KTS). Essa può essere usata per esportare e cancellare la memoria degli errori. A seconda del veicolo, è possibile anche confrontare i valori target e attuali al fine di controllare i sensori del sistema CDC.

Autodiagnostica

Se si verificano dei difetti elettrici o meccanici, l’ammortizzatore CDC deve essere controllato come un ammortizzatore di tipo tradizionale e sostituito se necessario. Gerhard Endriß, ingegnere del servizio di assistenza di ZF Aftermarket, dissipa eventuali preoccupazioni tra i meccanici: “Anche se risulta necessaria la sostituzione degli ammortizzatori CDC, non è richiesto alcun intervento aggiuntivo sull’impianto elettrico. Per smontare gli ammortizzatori CDC, occorre soltanto scollegare il connettore a spina dal set di cavi della valvola proporzionale e ricollegarlo durante il montaggio”.

Il sistema CDC è in grado di effettuare un’autodiagnosi ma riconosce soltanto difetti elettrici, non malfunzionamenti meccanici. In caso di difetto si accende la spina CDC sul cruscotto. Per circoscrivere il problema è necessaria un’unità di diagnosi (ad esempio, il Bosch KTS). Essa può essere usata per esportare e cancellare la memoria degli errori. A seconda del veicolo, è possibile anche confrontare i valori target e attuali al fine di controllare i sensori del sistema CDC.

Sostituzione a coppie

Gerhard Endriß sottolinea che gli ammortizzatori CDC devono essere sempre sostituiti a coppie. Per garantire la piena funzionalità, occorre sempre controllare la presenza di usura sui componenti applicati – elementi di arresto della pressione, tubi di protezione e supporti dell’ammortizzatore telescopico – prima di montare gli ammortizzatori. Ogni volta che si sostituiscono gli ammortizzatori, deve essere sostituito anche il kit di assistenza che consiste di un tubo di protezione e di un elemento di arresto della pressione.

Sostituzione a coppie

Gerhard Endriß sottolinea che gli ammortizzatori CDC devono essere sempre sostituiti a coppie. Per garantire la piena funzionalità, occorre sempre controllare la presenza di usura sui componenti applicati – elementi di arresto della pressione, tubi di protezione e supporti dell’ammortizzatore telescopico – prima di montare gli ammortizzatori. Ogni volta che si sostituiscono gli ammortizzatori, deve essere sostituito anche il kit di assistenza che consiste di un tubo di protezione e di un elemento di arresto della pressione.

Installazione senza tensione

L’ingegnere spiega: “La tensione negli ammortizzatori si può evitare serrando le viti di fissaggio inferiori solo quando il veicolo è sulle ruote. Dopodiché si procede alla misurazione della geometria delle ruote e all’eventuale adattamento”. Dopo ogni sostituzione degli ammortizzatori CDC effettuata per ciascun asse, si deve controllare la funzionalità del sistema. Con accensione inserita, la spia CDC deve spegnersi dopo circa dieci secondi. È tutto: il sistema di ammortizzatori CDC è pronto nuovamente all’uso.

Installazione senza tensione

L’ingegnere spiega: “La tensione negli ammortizzatori si può evitare serrando le viti di fissaggio inferiori solo quando il veicolo è sulle ruote. Dopodiché si procede alla misurazione della geometria delle ruote e all’eventuale adattamento”. Dopo ogni sostituzione degli ammortizzatori CDC effettuata per ciascun asse, si deve controllare la funzionalità del sistema. Con accensione inserita, la spia CDC deve spegnersi dopo circa dieci secondi. È tutto: il sistema di ammortizzatori CDC è pronto nuovamente all’uso.

Ulteriori informazioni