ZF Aftermarket nel mondo:

il vostro partner, dovunque vi troviate

Voi siete qui:
Italia (Italiano)

Se non trovi il tuo Paese, seleziona "Altri Paesi" per visitare il sito web Globale di ZF Aftermarket.

Tutti i siti web di ZF Aftermarket

Trova il tuo paese per regione

Siete alla ricerca di informazioni aziendali su ZF Friedrichshafen AG?

Visitate il sito web aziendale.

Seleziona il Paese e la lingua

Indietro
Asia
Europa
America Latina
Medio Oriente
America del Nord
Oceania
Sudafrica

Non trovi il Paese e la lingua? Visita il sito web generale: English

Note

The page you are navigating to is not optimized for mobile devices.
Do you want to proceed?

Proceed

Italia

Movimentazione dei veicoli elettrici: ZF Aftermarket addestra i vigili del fuoco

  • la tecnologia ad alta tensione comporta potenziali nuovi pericoli
  • I vigili del fuoco ricevono un intenso addestramento pratico da parte di ZF
  • Il corso di formazione dedicato riduce il ricorso a servizi di emergenza in caso di incidenti

Di fatto non ci sono elementi che dimostrino che i veicoli elettrici, alimentati da batterie agli ioni di litio ben protette, prendano fuoco più rapidamente delle automobili con motori a combustione. La fama di incendi associati ai veicoli elettrici si deve per lo più alle proporzioni epiche che un tale fuoco raggiunge o alla sua imprevedibilità - piuttosto che alla causa. Indagini su casi di cosiddetta autoaccensione spontanea dimostrano che la batteria era stata danneggiata in seguito a un incidente o che aveva un difetto di progettazione o di fabbricazione. Tuttavia, le statistiche affermano che più qualcosa diventa frequente maggiore è la probabilità di rischio associato.

Affrontare l'incendio di un veicolo elettrico richiede abilità e materiali specifici poiché una volta divampato il fuoco è estremamente difficile estinguerlo. La temperatura nella cellula interessata aumenta di diverse migliaia di gradi, in pochissime frazioni di secondo, fino a quando l'alloggiamento non viene distrutto. L'incendio si diffonde rapidamente alle celle vicine della batteria ad alta tensione e ne aumenta ulteriormente la potenza. Inoltre, i danni alle celle possono portare alla cosiddetta dispersione termica che è corrosiva e altamente pericolosa. È importante per gli uomini e le donne dei servizi di emergenza che entrano in contatto con incidenti di veicoli elettrici e ibridi non solo essere consapevoli dei pericoli, ma anche essere dotati delle capacità per affrontarli.

I pericoli dei veicoli elettrici e ibridi

Oltre al fuoco, esiste anche il pericolo di fuoriuscita di gas infiammabile o tossico, scosse elettriche e formazione di archi elettrici (i). L'infrastruttura di alimentazione elettrica potrebbe anche prendere fuoco, o ancora potrebbe essere necessario recuperare un veicolo danneggiato da un fiume o da un parcheggio sotterraneo allagato. Anche il salvataggio umano da veicoli incidentati può essere estremamente pericoloso per i servizi di soccorso.

Per prevenire qualsiasi perdita di vite umane in qualsiasi situazione di incidente, è fondamentale che i servizi di emergenza agiscano rapidamente e con sicurezza. ZF Aftermarket ha identificato una soluzione sotto forma di un programma di formazione dedicato

Identificazione: il primo passo

Le auto elettriche non sono immediatamente riconoscibili. La "E" sulla targa o nella designazione del modello non è obbligatoria e potrebbe essere stata distrutta dall'incidente. I tubi di scarico mancanti non sono un indicatore preciso poiché non sono visibili su molti veicoli a motore convenzionale. Per questa ragione, identificare correttamente un veicolo incidentato come veicolo ad alta tensione, è una delle primissime cose che viene insegnata a un delegato. Per fare questo, ZF utilizza, tra le altre cose, la cossidetta norma A.U.T.O. (attrezzature che perdono, ispezione sottoscocca, ugelli serbatoio / connessioni serbatoio, ispezione superficie / etichette) nonché le schede tecniche e le linee guida per il salvataggio, fornite dai costruttori di veicoli. Le posizioni e i percorsi dei componenti ad alta tensione e dei cablaggi sono tutte indicate qui. .

Un altro argomento trattato nel corso di formazione è la progettazione del sistema di azionamenti elettrificati e i conseguenti rischi. Inoltre, i partecipanti apprendono i meccanismi di protezione installati nel veicolo, come la posizione e il funzionamento dell'interruttore di isolamento del sistema ad alta tensione.Ciò significa che ricevono informazioni sulla prevenzione dei pericoli e apprendono quali sono le attrezzature adeguate e cosa fare in caso di vari scenari di incidenti (incendi, danni causati dall'acqua) e su possibili interventi di follow-up

Utilizzando esempi di vita reale, la formazione esamina anche le responsabilità del personale del servizio di emergenza, la comunicazione tra di loro e il modo in cui gestiscono i passaggi successivi: ad esempio le modalità con cui viene consegnato il veicolo incidentato al servizio di rimorchio.

Le informazioni sui corsi di formazione saranno disponibili a tempo debito ai clienti interessati su: www.aftermarket.zf.com

  • la tecnologia ad alta tensione comporta potenziali nuovi pericoli
  • I vigili del fuoco ricevono un intenso addestramento pratico da parte di ZF
  • Il corso di formazione dedicato riduce il ricorso a servizi di emergenza in caso di incidenti

Di fatto non ci sono elementi che dimostrino che i veicoli elettrici, alimentati da batterie agli ioni di litio ben protette, prendano fuoco più rapidamente delle automobili con motori a combustione. La fama di incendi associati ai veicoli elettrici si deve per lo più alle proporzioni epiche che un tale fuoco raggiunge o alla sua imprevedibilità - piuttosto che alla causa. Indagini su casi di cosiddetta autoaccensione spontanea dimostrano che la batteria era stata danneggiata in seguito a un incidente o che aveva un difetto di progettazione o di fabbricazione. Tuttavia, le statistiche affermano che più qualcosa diventa frequente maggiore è la probabilità di rischio associato.

Affrontare l'incendio di un veicolo elettrico richiede abilità e materiali specifici poiché una volta divampato il fuoco è estremamente difficile estinguerlo. La temperatura nella cellula interessata aumenta di diverse migliaia di gradi, in pochissime frazioni di secondo, fino a quando l'alloggiamento non viene distrutto. L'incendio si diffonde rapidamente alle celle vicine della batteria ad alta tensione e ne aumenta ulteriormente la potenza. Inoltre, i danni alle celle possono portare alla cosiddetta dispersione termica che è corrosiva e altamente pericolosa. È importante per gli uomini e le donne dei servizi di emergenza che entrano in contatto con incidenti di veicoli elettrici e ibridi non solo essere consapevoli dei pericoli, ma anche essere dotati delle capacità per affrontarli.

I pericoli dei veicoli elettrici e ibridi

Oltre al fuoco, esiste anche il pericolo di fuoriuscita di gas infiammabile o tossico, scosse elettriche e formazione di archi elettrici (i). L'infrastruttura di alimentazione elettrica potrebbe anche prendere fuoco, o ancora potrebbe essere necessario recuperare un veicolo danneggiato da un fiume o da un parcheggio sotterraneo allagato. Anche il salvataggio umano da veicoli incidentati può essere estremamente pericoloso per i servizi di soccorso.

Per prevenire qualsiasi perdita di vite umane in qualsiasi situazione di incidente, è fondamentale che i servizi di emergenza agiscano rapidamente e con sicurezza. ZF Aftermarket ha identificato una soluzione sotto forma di un programma di formazione dedicato

Identificazione: il primo passo

Le auto elettriche non sono immediatamente riconoscibili. La "E" sulla targa o nella designazione del modello non è obbligatoria e potrebbe essere stata distrutta dall'incidente. I tubi di scarico mancanti non sono un indicatore preciso poiché non sono visibili su molti veicoli a motore convenzionale. Per questa ragione, identificare correttamente un veicolo incidentato come veicolo ad alta tensione, è una delle primissime cose che viene insegnata a un delegato. Per fare questo, ZF utilizza, tra le altre cose, la cossidetta norma A.U.T.O. (attrezzature che perdono, ispezione sottoscocca, ugelli serbatoio / connessioni serbatoio, ispezione superficie / etichette) nonché le schede tecniche e le linee guida per il salvataggio, fornite dai costruttori di veicoli. Le posizioni e i percorsi dei componenti ad alta tensione e dei cablaggi sono tutte indicate qui. .

Un altro argomento trattato nel corso di formazione è la progettazione del sistema di azionamenti elettrificati e i conseguenti rischi. Inoltre, i partecipanti apprendono i meccanismi di protezione installati nel veicolo, come la posizione e il funzionamento dell'interruttore di isolamento del sistema ad alta tensione.Ciò significa che ricevono informazioni sulla prevenzione dei pericoli e apprendono quali sono le attrezzature adeguate e cosa fare in caso di vari scenari di incidenti (incendi, danni causati dall'acqua) e su possibili interventi di follow-up

Utilizzando esempi di vita reale, la formazione esamina anche le responsabilità del personale del servizio di emergenza, la comunicazione tra di loro e il modo in cui gestiscono i passaggi successivi: ad esempio le modalità con cui viene consegnato il veicolo incidentato al servizio di rimorchio.

Le informazioni sui corsi di formazione saranno disponibili a tempo debito ai clienti interessati su: www.aftermarket.zf.com